nov 9, 2016 - penzieri der cassisa    No Comments

Donald Trump è il nuovo presidente degli Stati Uniti !! [e allora !?]

donald trump nov 2016

Ogni quattro anni ci risiamo !
In America mettono su il baraccone delle presidenziali e gli italiani che sono in caduta libera ormai da quasi trent’anni, hanno il loro momento di evasione. Così per qualche giorno dimenticano i propri guai nazionali, il proprio ridicolo Presidente del Consiglio di turno, lo scandalo del momento, la corruzione che impera, la paura, i debiti e anche le ‘orna, perché attirati dalle notizie che giungono dagli Stati Uniti.
Così otto anni fa il belpaese (di una volta) festeggiò l’elezione di Obama, il primo presidente nero che tanto avrebbe fatto bene al mondo intero, e quattro anni dopo ne  festeggiarono la riconferma malgrado nei quattro anni appena trascorsi in Italia la situazione fosse solo peggiorata.
Oggi l’italia si sveglia triste e preoccupata perché in America il pittoresco Donald Trump vince le elezioni battendo Hilary Clinton. I social italiani impazzano di commenti di italiani preoccupatissimi non per la situazione sempre più di merda del nostro paesello, ma per il nuovo presidente degli Stati Uniti !
Ancora una volta ripropongo ciò che scrissi quattro anni fa ricordando quel che scrissi otto anni fa … la zuppa è la solita. Noi stiam sempre peggio; Renzi ha preso il posto di Berlusconi, truffe, debiti, corruzione, furti, omicidi, disgrazie, lucri su disgrazie e i vergognosi teatrini della politica alimentati dalla sempre più modesta, ma sempre decisiva, fetta di italiani benestanti e privilegiati, son sempre qui a tenerci compagnia, ma i miei compaesani oggi son preoccupati per l’elezione di Trump. Tralasciando il fatto che è già imbarazzante leggere post di gente che non sa nemmeno chi è il proprio sindaco, o che ragiona esclusivamente di gattini teneri o di cani da salvare, ma che improvvisamente si trasformano in grandi statisti ed esperti di politica internazionale, la mia domanda è : ma perché si spaventano o si esaltano per ciò che succede in America quando quel che succede in casa nostra è già parecchio pesante e sempre in via di peggioramento ??

Leggetevi le puntate precedenti. Ci rileggiamo questo post tra quattro anni e chissà che la tendenza non farà inversione :

7 Nov 2012 :
quattr’anni fa in amerìa vinceva le elezioni Obama e in Italia si festeggiava … io mi chiedevo cosa ci fosse da festeggià visto il bottino in cui si viveva … quattr’anno dopo, oggi, l’ameriàni l’hanno eletto un’antra vòrta e l’italiani festeggiano e son contenti … ancora una vòrta mi chiedo : ma caa c’avranno da festeggià ? a me mi pare ci sia poo da festeggià in italia.

Scrissi una nota che vi ripropongo pari pari così che possiate dì : ma allora per cosa festeggiai ? e oggi ?

obama,elezioni usa,america,presidente stati uniti,superman

Scritta nel Novembre 2008. Rileggiamola e domandiamoci : che cazzo abbiamo da essere contenti ? Non per lui eh ? Ma per noi ? Perchè non cerchiamo di cambiare le cose in casa nostra anzichè sbavare sull’affaracci dell’ameriàni ?  Scrissi così 4 anni fa :

Novembre 2008 :
il nuovo presidente ameriano
barack obama
il primo presidente nero
sono tutti ‘ontenti
in italia si riesce a fà politia anche con la politia di vell’altri
vertroni, che ‘un sa più cosa inventà, ha organizzato una festa
l’inviti l’ha mandati con l’essemmesse
ci deve avè timme tribù
è tutto ‘ontento … ora sì che si ragiona
berlusconi .. è contento anche lui
ha già detto che gli darà quarche consiglio
personcina modesta come sempre
è tutta ‘ontenta anche al qaida .. lo dice gasparri
sono tutti ‘ontenti
anche la gente
‘un sa nemmeno perchè ma è tutta ‘ontenta
poi giro la pagina del tirreno
e vedo che l’italiani sono sempre più poveri
che ‘un ci s’ha più una lira in tasca
che è un casino ‘omprassi ‘asa
che se chiedi dù euro alle banche te li danno se gliene dai 10 a garanzia
e se ce l’avevo te li chiedevo a te ?
il pane aumenta
la verdura aumenta
la frutta costa più della ‘arne
la ‘arne si mangia solo bianca
… boia vanto pollo mangio …
per risparmià si ‘ompra vei troiai che arrivano dalla cina
velenosi ma costano meno.
è un casino.
e allora mi chiedo :
ma caa c’avrà la gente da essè contenta …
perchè ha vinto obama ?
ah sì ?
ah già … con lui adesso si rinforzano i venti di pace
un afroameriano alla ‘asabianca
ora chiamatela ‘asanera !
che esempio di democrazia
loro sì che sono dei ganzi
noi ‘un saremmo mia boni
un giornalista fenomeno sul tirreno di oggi si chiede :
ve lo immaginate un avvocato italo-filippino di 47 anni salire al Quirinale ?
o cosa vordì ?
da noi ha vinto missitalia una nera
‘un potrebbe andà ar quirinale un avvoato italofilippino ?
boh !?
oh obama … ‘osa ti devo dì …
son contento per te …
ma con tutte le ‘ose che c’ho da fà
tutti i giorni dell’anno
per mantenè la famiglia e cresce dù figlioli
‘un vorrai mia che vada alla festa del tù amìo vertroni ?
son tutti ‘ontenti
io no
ma mia perchè ‘un son contento …
perchè proprio m’importanasega !
la mia vita è sempre la stessa
dura, impegnata, di sacrifici … e felice.
ma felice per davvero !
mia perchè t’hanno eletto te.
via .. ti saluto .. torno a lavorà
mi raccomando obama, fai a modo
‘un la deludè tutta vesta gente ‘ontenta !

Share via email
ott 11, 2016 - Rime Pisane    No Comments

Io ti sento, te mi ascolti ?

democrazia io ti sento te mi ascolti

Sento spesso nominalla
come cosa sacrosanta
guai a sputacci o carpestalla…
per lei di gente n’è morta tanta.

Ma se ci faccio un po’ più caso
guardo a modo e ascòrto meglio
io son sempre più persuaso
che a parlanne di ‘ontinuo, sòrte fòri un bèr groviglio.

Mia perché ‘un sia importante,
ci mancherebbe artro’ e questa,
solo che è poo coerente
chi per lodalla la carpesta.

Se ti metti a ragiona’
perché è nei tu’ diritti
devi anche sape’ ascorta’
perché quell’artri ‘un stanno zitti.

La Demograzia è ir fondamento
d’un paese intelligente
io discorro ma ti sento
se son sordo ‘un vale niente.

AC

Share via email

Ottima la Prima [GnamoPisa in SerieB]

Dopo un mese di silenzio in cui il Pisa e Pisa n’hanno viste di cotte e di creude, finalmente si può tornare a parlare di calcio giocato. E non di un calcio giocato qualunque, ma quello di Serie B. Finalmente.
Il Pisa parte forte e, anche se gioca a Empoli, per l’indisponibilità dell’amata Arèna, 8mila pisani lo spingono alla vittoria :

pisa novara 1-0 eopi

Miglior inizio non potevamo immaginare dopo l’estate allucinante appena trascorsa. La gioia per il felice esito delle questioni societarie a ridosso del campionato poteva verosimilmente trasformarsi in apprensione per quelle che sarebbero potute essere le difficoltà di una Serie B che non fa sconti.

Gattuso, appena ripresa la squadra in mano, sapeva benissimo, e lo ha dichiarato più volte, che adesso veniva il bello ma anche il più difficile : trasformare tutta la rabbia repressa nell’ultimo mese in energia positiva sul campo. Questo non era facile trasmetterlo ai ragazzi in soli due giorni prima dell’esordio in campionato contro il Novara, ma questa mentalità è già bene impressa nella squadra che si porta dentro tutto quello che di buono ha fatto nella stagione passata e che ha fatto sì che i ragazzi di Gattuso dominassero e vincessero i Play Off, superando le difficoltà che di volta in volta si paravano davanti. Così è stato anche nelle due gara di Coppa Italia in cui il Pisa ha superato Brescia e Salernitana quasi in regime di autogestione.

Ieri sera abbiamo assistito al proseguo della gara vinta a Foggia il 12 giugno scorso, con un Lisuzzo monumentale, assolutamente insuperabile in difesa e che si toglieva la soddisfazione di segnare la rete della vittoria nerazzurra all’esordio in campionato e, tanto per farcire un po’ la trama della recente storia pisana, al Novara, sua ex squadra.

Credo che alla domanda “chi ti piacerebbe che segnasse la rete della vittoria del Pisa alla prima in Serie B ?” sarebbero stati davvero tanti i pisani che avrebbero risposto : Lisuzzo !
Non perché gli altri non se lo sarebbero meritato, ma perché Andrea è stato l’anima, insieme al capitano Mannini, della squadra in assenza di Gattuso. Colui che ha messo la sua esperienza e la sua storia, anche recente, a disposizione dei giovani e che ha permesso a una squadra, forse indietro nella preparazione, a trarre energia da tutto ciò che di negativo hanno respirato ad Agosto. E anche perché di reti non ne segna molte e Mannini, l’altro cui calzano a pennello le parole appena spese per Lisuzzo, la rete la gonfia spesso e volentieri.

Immensa è stata la gioia, mista a incredulità e commozione, quando all’undicesimo del primo tempo Lisuzzo in tuffo ribadiva la palla in rete e correva a gioire sotto la Curva Nord del Castellani di Empoli, gremita di tifosi nerazzurri.

Dedicata la doverosa premessa al nostro numero quattro c’è da dire che la squadra ieri sera si è comportata in maniera encomiabile di fronte a una squadra, il Novara che schierava in attacco un bomber del calibro di Galabinov e in difesa quello Scognamiglio, fischiato dal pubblico pisano, che aveva iniziato la preparazione col Pisa, salvo poi ritirarsi ai primi sentori di difficoltà societarie. Con Gattuso in tribuna, chiuso in un gabbiotto a fianco di Lucchesi, i ragazzi, guidati da Riccio, sono scesi in campo con le nuove, belle, maglie nerazzurre e fin da subito, grazie alla vivacità di Peralta, hanno evidenziato la voglia di giocare senza timori reverenziali.

Sugli spalti, ottomila pisani, regalano una cornice da Serie A, cantando e battendo le mani per tutti i novantacinque minuti di gioco, e oltre, guidati dalla Curva Nord “Maurizio Alberti”. L’atmosfera è quella casalinga cui la squadra è abituata e i giocatori ricevono quella spinta fondamentale nei momenti di apprensione.

Gattuso, tra squalifiche e infortuni, disegna un 5-4-1 in cui fa il suo esordio tra i pali il giovane Cardelli e dove l’attacco è affidato al solo Eusepi, sostenuto dalle scorribande di Peralta.
Per la cronaca, la gara inizia subito forte e il Novara ci prova subito con Galabinov che ci manda alto di testa. Il Pisa ribatte senza timore e all’undicesimo passa in vantaggio. Cross di Verna, interviene di testa Crescenzi, respinta corta del portiere Da Costa e tuffo di Lisuzzo che ribadisce in rete di testa facendo letteralmente esplodere il Castellani.
Passati in vantaggio i nerazzurri non mollano e alzano un muro su cui sbatte puntualmente l’attacco piemontese. Ma a dieci minuti dal riposo è Golubovic, con un provvidenziale intervento di testa, a salvare la porta del Pisa da una conclusione di Faragò che aveva superato Cardelli.
Nella ripresa la squadra di Boscaglia preme ma il centrocampo e la difesa pisana controbattono con sicurezza. Ci prova Casarini su punizione, bloccata da Cardelli; Galabinov con un tiro alto, Sansone ancora su calcio piazzato e ancora Sansone, in pieno recupero, quando calcia da poco fuori area, spedendo la palla nell’angolino in basso alla sinistra di Cardelli che compie un intervento prodigioso, stendendosi e con le dita deviare in angolo la palla che sembrava destinata in rete. Esultanza dell’estremo difensore per una parata che equivale al goal di Lisuzzo.
Non bastano al Novara i cinque minuti di recupero concessi dal Sig. Ghersini di Genova per pareggiare e al triplice fischio esplode la gioia nerazzurra con la squadra che si gode il meritato coro con battimani sulle note di “Don’t worry Be Happy“.
Grande la soddisfazione anche per la dirigenza pisana, vecchia e nuova, al completo in tribuna.

Buona la prima, come si suol dire, anzi, ottima la prima, anche se si trattava della seconda di campionato. Ma il Pisa, come noto, deve recuperare la prima giornata e lo farà già dopodomani quando a Terni affronterà la Ternana. Giusto il tempo di rifiatare, quindi, per i ragazzi di Rino Gattuso, che già la testa è al prossimo avversario.


IL TABELLINO DEL MATCH :

Pisa – Novara : 1-0
[11'pt Lisuzzo]

PISA [5.4.1] : Cardelli, Golubovic, Fautario, Crescenzi, Lisuzzo, Avogadri, Longhi, Peralta (20′st Montella), Verna, Sanseverino, Mannini, Eusepi (40′st Cani).
A disposizione : Giacobbe, Del Fabro, Salvi.
Allenatore : Riccio (Gattuso squalificato)
NOVARA [4.2.3.1] : Da Costa, Dickman, Scognamiglio, Troest, Armeno (38′st Lukanovic), Viola (15′st Adorjan), Casarini, Faragò, Sansone, Corazza (15′st Di Mariano), Galabinov.
A disposizione : Pacini, Beye, Kupisz, Calderoni, Selasi, Kock.
Allenatore : Boscaglia

Arbitro : Sig. Ghersini di Genova
Assistenti : Sigg.ri Baccini e Lanotte
Quarto uomo : Sig. Cipriani
Ammoniti : Peralta (P), Troest (N), Adorjan (N), Golubovic (P), Mannini (P)
Calci d’angolo : 3 a 9
Recupero : 0′pt / 5′st
Note : 8000 spettatori di cui un centinaio da Novara; serata piacevole, terreno in ottime condizioni di gioco. Gara giocata al Castellani di Empoli per indisponibilità dell’Arena Garibaldi di Pisa.
Foto : Cassisa-EOraParloIo.it
Articolo tratto da www.eoraparloio.it

Share via email

Gnamo Pisa, finchè ce n’è !

gnamopisa finchè ce n'è

Fòri è cardo e si suda
ir sole picchia e l’aria è afosa
con la gente ‘e si gnuda
e la notte ‘un trova posa.

Ma c’è un posto ‘e ci fa fresco
ir tempo è asciutto e frizzantino
varchedùno parla tedesco
ma si trova ner trentino.

Lì Gattuso carìo a mille
c’ha portato i su’ ragazzi
non più totani fritti o anguille
ma montagne, fiori e pòi schiamazzi.

Nomacchè sto a patì,
dice Ringhio ‘oncentrato,
ora siamo a gioà in B
e io ‘un mi son mai accontentato !

Gnamo Pisa corri e suda
che noi siamo vì con te
nessun sogno si precluda
Gnamo Pisa, finchè ce n’è !!

AC

Share via email
lug 3, 2016 - penzieri der cassisa    No Comments

Quando il Voto è di Pancia

Una nuova espressione sta prendendo piede in questi ultimi tempi in cui la gente inizia ad esprimere il voto rapportandolo alla realtà in cui vive, all’operato degli amministratori, ed esprimendolo senza più badare a mode, fedi, tradizioni o volontà di poveri nonni (deceduti per garantire la possibilità di votare ma il cui senso è già perso dal momento in cui il voto lo regali faziosamente ai tuoi amici),  badando solo al colore o allo stemmino, piuttosto che al contenuto dei programmi : il Voto di Pancia !!
  • il “voto di pancia” è la definizione  di chi perde le elezioni ma non gli va giù. Non gli sembra vero aver perso, allora una spiegazione la deve trovare e la trova nella scarsa attitudine di esprimere il voto di chi non la pensa come te.
    Il che equivale a dire : “ma come !? non ha vinto Agenore le elezioni ? o com’è possibile !? Chi ha vinto ? Marianna ?? Non ci credo … o come è stato possibile !? Per forza ! l’han votata quegli stolti che usano la pancia invece del cervello !! Ora non so bene i programmi della Marianna ma già dare il voto a una come lei è da gente che non merita il diritto di voto !!
  • il “voto di pancia” è l’espressione di chi si sente superiore e valuta con occhio da maestrina acidina l’operato degli incolti sprovveduti, individuati in tutti coloro che la pensano diversamente;
  • il “voto di pancia” è il cugino della “guerra tra poveri”. Insieme vengono spesso nominati quando non c’è più nulla da dire di intelligente;
  • Il “voto di pancia” è quell’espressione vaga che intende raccogliere insieme tutti quelli che vanno alle urne dopo aver ragionato sul chi votare e perché. E se la motivazione deriva dalla pancia, sempre un ragionamento alla base c’è ! Perché sempre meglio un voto di pancia che uno regalato a prescindere. Se voti a prescindere, il tuo nonnino, se è vero che è morto per permetterti di votare, si rivolterà nella tomba perché dare un voto senza pensare è da incoscienti, faziosi e superficiali. Allora piuttosto che agire così, benvenga  il voto di pancia, dato da chi ha il coraggio di dare la possibilità di governare anche a chi ha un colore diverso da quello di sempre. Poi il giudizio avverrà sul suo operato e sui risultati ottenuti;
  • “voto di pancia”, trattato come una merce di scarso valore, è l’espressione del popolo che fino a prova contraria, ha i medesimi diritti dei colti e benestanti che generalmente hanno un polso diverso dalla realtà, proprio perché vivono nell’agio o godono di privilegi e benefici che il normale cittadino non ha. In Italia si dice che sia il popolo sovrano no ? Altrimenti diamo il voto solo a chi se lo merita ( e QUI vi segnalo un utile decalogo su chi eventualmente ha più diritto di voto di altri) e il voto sarà sempre di pancia … ma la pancia sarà piena.

Troppo spesso sentiamo commentare con disprezzo i risultati delle urne quando a vincere è chi non piace a quella categoria di italiani che si sente eletta. Quelli che si autoproclamano giusti, buoni, tolleranti, democratici e dotati di una cultura tale da conferirgli maggiori diritti degli altri.
E’ una casta che gode di privilegi che chi governa si guarda bene dal toccargli proprio perché in cambio ottiene voti. Quei voti che legittimano l’occupazione di quelle belle poltrone rosse.
Ma non funziona più così. Il voto c’è chi lo dà dopo un ragionamento, senza farsi convincere da chi promette sconti, premi o benefici. Sta emergendo un popolo che è stufo di essere manovrato e che inizia a votare senza badare più a giudizi, etichettature di chi non ha alcun interesse che la realtà cambi.
Che il voto scaturisca dalla pancia è una affermazione arbitraria chiaramente. Chi ve lo dice che invece non sia un voto di testa ? ragionato, valutato, magari anche azzardato, ma dato a chi si pensa possa fare meglio di chi fino ad oggi ha fallito ?
Cavalcate l’onda dell’intolleranza e del razzismo ?
Cambiate disco perché la musica è cambiata e certi ragionamenti ormai non attaccano più. Funzionano solo all’interno della vostra sempre più ridotta casta benestante.

Il Voto di Pancia, quando la pancia è vuota, ha un peso che chi il buzzo l’ha sempre pieno, non può capire. Chi si autoproclama “democratico” sappia che la democrazia dà l’opportuna di esprimere il proprio pensiero, e concretizzarlo col voto, a tutti e il risultato sarà la naturale espressione della stessa. Indipendentemente dal colore. E se questo non vi torna, allora di democratico avete solo l’apparenza.

Continuate ad etichettare con disprezzo l’espressione e le idee della gente libera. Continuate pure ma sappiate che il vostro atteggiamento è tutto meno che democratico.
Continuate a votare per moda, tradizione o convenienza personale. Siete liberissimi di farlo e non lo scopro io, si chiama democrazia. Ma infilatevi nella testa che è altrettanto valido quello di chi non la pensa come voi.

Da parte mia preferisco il voto che scaturisce da un ragionamento, da un istinto e da qualsiasi organo del mio corpo mi dia una valida indicazione, al voto dato a prescindere, basta che sia contro quello/a lì che mamma mia ve lo/a raccomando.

#vivailvotodipancia #abbassoilvotoapanciapiena

Share via email

Canta Cicala Canta

cicala

Cicale in sottofondo
colonna sonora estiva
accompagnano presente e passato
senza mutar strofa
unico spartito
di padre in figlio
finché rami ci saranno
a sostener foglie e note
ombra e musica
ricordi freschi e lieti
momenti leggeri
che il tempo appesantisce
nostalgia della tua compagnia
resta solo la musica
sotto un albero che regala ancora sollievo
a bambini adulti
a bambini che ascoltano senza sentire
quel suono che ricorderanno.
Cantate Cicale
è il vostro momento
canzone immortale
poche note gettate all’aria
motivo incessante
ad assorbimento passivo
attiva emozioni a lento rilascio.
Cantate Cicale
coprite voci e rumori
di una platea disattenta
esibitevi sprezzanti
artiste senza ansia
fino alla fine
senza fischi né applausi
fino a quando calerà il sipario
e la temperatura.
Buon Riposo Cicale
e Grazie.

AC

Share via email

Primo Luglio Duemila

Primo Lulglio Duemila

Son passati sediciànni
da quer giorno lungo e cardo
risa, pianti, gioie e affanni
riassunti in uno sguardo.
Noi ‘un siam fatti per sta’ fermi…
con la pappa scodellata
io lo so e te lo ‘onfermi
ogni ‘osa va sudata.
Tantagùri Amore Mio
che ‘r futuro sia ‘ome sogni
a averalli ci penzo io
co’ figlioli ‘ome sostegni.

Share via email

Il Decalogo per il buon esercizio del voto

democrazia

Italiani, dopo le ultime vicende elettorali, i cui risultati hanno sbalordito esperti ed eruditi di tutta Europa,
una cosa emerge con estrema chiarezza :

IL VOTO NON E’ COSA PER TUTTI !!

Non fraintendete eh ?
Il Voto è la massima espressione della democrazia, privilegio per ottenere il quale morirono i nostri nonni (che poi ir mì nonno poverino s’ammalò e morì … ma mia per ir voto … boh !?) , combatterono i nostri avi e tutti i bei discorsi che iniziano a insegnarvi fin dalle elementari quando ancora avete nella testa i Minions e le Barbie, solo che …

Solo che sarebbe meglio seguire alcuni consigli prima di recarsi alle urne, che si tratti dell’elezione del Sindaco di Cascina o di esprimersi sulla volontà o meno di rimanere in Europa.

Grandi politici, capi di stato, esperti europeisti e politologi di professione son tutti d’accordo :
su alcuni temi la gente non può votare, non ne ha le competenze …

Ah siii ???
e allora il vostro nonno cosa è morto a fa’ ?
Per garantire il voto solo a quelli belli, colti, ricchi e intelligenti ?

Parrebbe di sì.

Per uscire dall’imbarazzo vi proponiamo il Decalogo del Buon Elettore :

Prima di tutto è buona norma recarsi alle urne informati sull’argomento cui sarete chiamati a esprimervi. Se vi accorgete che è troppo difficile, ne sapete poco o il risultato potrebbe essere decisivo per la vita dei tuoi concittadini, evita. Stai a casa e lascia votare chi ne sa più di te.

Fate in modo di presentarvi al momento della decisione in perfette condizioni psico-fisiche, per cui :

  1. mai votare sulla digestione, far passare almeno tre ore e mezzo dopo un pasto intero o un’ora e mezzo dopo uno spuntino
  2. non ingerire alcolici o sostanze stupefacenti che potrebbero provocare uno stato di euforia passato il quale vi acccorgete che avete dato il voto a quel bischero che v’ha levato la pensione per darla a un altro che ha lavorato quarant’anni meno di voi
  3. mai uscire per recarsi al voto nelle ore calde, bere sempre tanta acqua e mangiare frutta in abbondanza
  4. andare a letto presto la sera prima del voto in modo da garantire almeno otto ore di riposo continuo
  5. il massimo, nei limiti del possibile, sarebbe chiedere il giorno prima di ferie per concedere al vostro spirito almeno 24 ore di spurgo da tensioni da ufficio o fatiche da catena di montaggio. Nel caso, rivolgetevi al vs sindacato, ci pensa lui.
  6. astenersi categoricamente dal praticare sesso nelle 12 ore antecedenti per i votanti più maturi, mentre i giovani neo elettori sarebbe bene tenessero le mani a posto per evitare abbassamenti di vista deleteri in cabina elettorale.

Il Voto è un diritto per tutti che si acquisisce dalla maggiore età, si vabbè però sarebbe bene si astenessero dal votare per questioni importanti :

  1. giovani appena maggiorenni che ancora vivono con i genitori. Fate fare a loro che decideranno sicuramente per il Vs bene. A meno che, e ci mancherebbe altro, non vi fosse offerto in cambio del voto, un  qualche buono spesa valido per la Vs istruzione.
  2. donne in menopausa, uomini con manifesti problemi di impotenza senile. Si sa, in questo periodo gli ormoni sono in confusione, ci mancherebbe altro che questa confusione si riversasse sul voto.
  3. elettori maggiorenni in conclamato possesso di corna la cui sete di vendetta potrebbe indurre a scelte affrettate. Condizione non ottimale per l’espressione del voto.

Il Voto è un dovere civico, personale, eguale, libero e segreto, si vabbè però occorre senza dubbio una certa formazione culturale che sconsiglia l’esercizio del diritto/dovere a :

  1. agli ignoranti nel senso che ignorano, che non sanno, non conoscono l’argomento sul quale son chiamati ad esprimersi. Ovvio no ? Per cui si richiede almeno un diploma superiore, meglio se conferito in scuole umanistiche. Perfetta la laurea, ottimale quella in economia.
  2. a chi è stato bocciato almeno una volta dimostrando scarsa propensione allo studio e una carenza di attaccamento alle proprie cose, figuriamoci a quelle pubbliche.

Il Voto è una importante presa di responsabilità che non può certamente, almeno a livello morale, essere espresso da chi ha commesso crimini o reati che se tollerati in chi ci governa è proprio perché legittimati dal voto espresso da chi, incensurato, decide di offrire un’altra chance al candidato cui spetterà poi operare con riconoscenza verso chi è stato così benevolo da offrirgli il voto.

Infine tutto ruota intorno al concetto di democrazia :
il voto è la massima espressione della democrazia solo quando il risultato è di gradimento da chi la democrazia la interpreta meglio, per cultura, esperienza, intelligenza, dignità, tradizione e convinzione personale.
Quindi già quando avete votato senza avere osservato i consigli sopra elencati siete a rischio e il risultato del voto, qualora fosse come da voi sperato, potrebbe non essere pienamente democratico.

In conclusione, votate sì ma in piena coscienza.
Se non siete a posto con quella, non fatelo perché se poi il vostro voto risulta decisivo per sconfiggere una parte più colta, benestante e democratica di voi, se poi vi danno del fascista, dell’antidemocratico o dell’ignorante che vota di pancia, beh … non dite che non vi avevo avvisati !

#ilvotoèdemocrazia #ilnonvotoèdemocrazia #irisultatidelvotosonosacrosanti

 

Share via email
Pagine:1234567...42»